Io e il villaggio di Chagall: il legame alla terra natale dell’autore e la simbologia dell’opera

Il museo MoMa di New York custodisce un’opera di un fascino unico, risalente al 1911 e realizzata dal grande artista Marc Chagall. Stiamo parlando de Io e il villaggio (191 x 150). In questa tela si rivede l’attaccamento del pittore per la sua terra natale, in quanto è evidente la raffigurazione di paesaggi e campiContinua a leggere “Io e il villaggio di Chagall: il legame alla terra natale dell’autore e la simbologia dell’opera”

Automat di Edward Hopper: la poetica della solitudine

Automat è un dipinto del 1927 del pittore americano Edward Hopper, che si trova al Des Moines Art Center, in Iowa (USA). L’artista nasce a Nyack il 22 luglio del 1882 in una famiglia borghese. Viene incoraggiato fin da bambino a leggere, studiare arte e disegnare. Egli sogna di diventare architetto, ma si guadagna daContinua a leggere “Automat di Edward Hopper: la poetica della solitudine”

Statua della Libertà: alla scoperta dei suoi particolari e della loro simbologia sul monumento

La Statua della Libertà simboleggia l’amicizia tra francesi e americani, ma è anche l’emblema della dichiarazione d’Indipendenza del 1776. L’opera riproduce una donna indossante una toga, che tiene nella mano destra una fiaccola simbolo del fuoco eterno della libertà e nella mano sinistra una tavola sulla quale si legge la data del giorno dell’indipendenza americana: il 4Continua a leggere “Statua della Libertà: alla scoperta dei suoi particolari e della loro simbologia sul monumento”

Il Coniglio di Jeff Koons battuto all’asta per 91,1 milioni di dollari. È record!

Il Rabbit, in Italia meglio conosciuto come Coniglio, realizzato in inox da Jeff Koons nel 1986 è stato battuto all’asta dalla più grande agenzia del settore al mondo, ovvero la Christie’s di New York per una somma totale di 91,1 milioni di dollari. Si tratta di un nuovo record che riguarda la vendita di opereContinua a leggere “Il Coniglio di Jeff Koons battuto all’asta per 91,1 milioni di dollari. È record!”

Il dripping di Pollock: evocazione dell’inconscio

Jack the dripper. Così veniva chiamato Jackson Pollock, in nome della tecnica da lui inventata, il dripping, per cui l’artista stendeva il colore gocciolandolo direttamente sulla tela. Egli è il primo artista americano ad ottenere un successo internazionale. Prima di lui la capitale dell’arte era Parigi e tutti gli artisti, anche per un breve periodo,Continua a leggere “Il dripping di Pollock: evocazione dell’inconscio”

Andy Warhol e la Pop Art: dalla riproducibilità tecnica alla Factory

“Alcune aziende erano recentemente interessate all’acquisto della mia aura. Non volevano i miei prodotti. Continuavano a dirmi: “Vogliamo la tua aura”. Non sono mai riuscito a capire cosa volessero. Ma sarebbero stati disposti a pagare un mucchio di soldi per averla. Ho pensato allora che se qualcuno era disposto a pagarla tanto, avrei dovuto provareContinua a leggere “Andy Warhol e la Pop Art: dalla riproducibilità tecnica alla Factory”