Antonio Ligabue e il suo Autoritratto con cane: l’angoscia di vivere diventa arte 

È una genialità piena di sofferenza quella di Antonio Ligabue (Zurigo 1899 – Gualtieri 1965), considerato il caposcuola della pittura naif italiana. La sua pittura privilegia l’interiorità e le emozioni che attanagliano l’animo dell’artista con immagini spesso inquietanti e violente in cui emergono ritratti di animali feroci colti nei momenti di lotta. I suoi quadriContinua a leggere “Antonio Ligabue e il suo Autoritratto con cane: l’angoscia di vivere diventa arte ”