L’enigma di Max Ernst: La vestizione della sposa

“Dipingere non è per me un divertimento decorativo, oppure l’invenzione di plastica di una realtà ambigua; ogni volta la pittura deve essere invenzione, scoperta, rivelazione.” Padrone di tale poetica è Max Ernst. Egli porta avanti la sua ricerca, ricreando ciò che il suo occhio di artista vede in maniera differente: immagini straordinarie che ne possonoContinua a leggere “L’enigma di Max Ernst: La vestizione della sposa”

Colazione sull’erba: Manet, fra realismo e libertà

La Colazione sull’erba è uno straordinario olio su tela, realizzato nel 1863 da Edouard Manet (Parigi, 23 Gennaio 1832 – Parigi, 30 Aprile 1883), ed attualmente custodito presso il museo d’Orsay di Parigi.  Il dipinto sembra raffigurare una mattinata tranquilla nei pressi di una radura costeggiata dalla Senna, ove i tre personaggi principali hanno consumatoContinua a leggere “Colazione sull’erba: Manet, fra realismo e libertà”

La camera di Van Gogh: angoscia e illusoria quiete

“Credo che questa camera da letto sia il mio miglior lavoro”.  Con queste parole Vincent Van Gogh (1853 – 1890) descrive La camera,  in due lettere indirizzate al fratello Theo e all’amico Gauguin. Si tratta della sua camera da letto presa in affitto ad Arles, dopo  la fuga dalla caotica Parigi. Una finestra illumina l’ambienteContinua a leggere “La camera di Van Gogh: angoscia e illusoria quiete”

Il capolavoro di Mirò: La fattoria

“Tutta la mia opera è concepita a Mont-Roig”, era solito ripetere Miró, parlando della fattoria che suo padre, orologiaio di Barcellona, comprò nel 1910 a pochi chilometri dalla costa di Tarragona.  L’artista trascorse tutte le estati nella masía, dal 1911 al 1976 (a esclusione degli anni della Guerra Civile), dove ebbe il suo primo studioContinua a leggere “Il capolavoro di Mirò: La fattoria”

Le due Frida: la scissione d’un cuore affranto.

Two Fridas è un straordinario olio su tela, realizzato nel 1939, dall’enigmatica e terribilmente affascinante Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderón, conosciuta come Frida Kahlo (Coyoacàn, 6 Luglio 1907- 13 Luglio 1954). L’opera in questione non si limita alla funzione di attestare una duplice personalità, poiché turbata dalle vicende della sua vita. Essa consiste inContinua a leggere “Le due Frida: la scissione d’un cuore affranto.”

Una domenica pomeriggio alla Grande-Jatte: il capolavoro di Seurat ”in forma di pixell”

“Già mentre frequentavo la scuola di disegno ho cominciato ad interessarmi della teoria dei colori e di composizione pittorica. Ero un grande frequentatore del Louvre, dove ammiravo e studiavo con grande interesse le sculture egiziane, i grandi pittori italiani e francesi. Quando nel 1878 mi sono iscritto alla Scuola delle belle arti di Parigi hoContinua a leggere “Una domenica pomeriggio alla Grande-Jatte: il capolavoro di Seurat ”in forma di pixell””

Il Giardino dei Tarocchi: tra arte, natura e spiritualità nel cuore della Maremma Toscana

“Nel 1955 andai a Barcellona e vidi per la prima volta il meraviglioso Parco Güell di Gaudí. Capii che mi ero imbattuta nel mio maestro e nel mio destino: tremavo in tutto il corpo. Sapevo che anche io, un giorno, avrei costruito il mio giardino di gioia, un piccolo angolo di paradiso. Un luogo diContinua a leggere “Il Giardino dei Tarocchi: tra arte, natura e spiritualità nel cuore della Maremma Toscana”

Cristo Redentore di Rio de Janeiro: come è stato restaurato ”l’abbraccio all’umanità”?

Ad inizio del 2014, il pollice destro del Cristo redentore di Rio De Janeiro in Brasile, è stato restaurato in seguito a dei danneggiamenti susseguenti a numerose tempeste. Le operazioni si sono svolte a più di 700 metri di altezza: i tecnici, armati di martello e scalpello, hanno operato sedendosi sulle zone da riparare e poiContinua a leggere “Cristo Redentore di Rio de Janeiro: come è stato restaurato ”l’abbraccio all’umanità”?”

“Persistenza della Memoria” di Salvador Dalì: la fotografia di un sogno fatto a mano

Il 23 gennaio 1989 moriva Salvador Dalì, uno dei più grandi artisti del Novecento inventore del metodo paranoico-critico ed una delle personalità più influenti e poliedriche del suo tempo. In occasione dei trent’anni della sua morte, a Matera fino al 30 novembre 2019 sarà possibile visitare la mostra intitolata “La Persistenza degli Opposti” un percorsoContinua a leggere ““Persistenza della Memoria” di Salvador Dalì: la fotografia di un sogno fatto a mano”

L’infinito di Lucio Fontana tra tagli e luce

“Io buco e non c’è bisogno di dipingere perché è lì che passa l’infinito. Ciò che conta davvero non è l’estetica, ma l’aver bucato. Non ho mai distrutto, ho solo costruito”. Con queste parole, Lucio Fontana (1899-1968), l’artista borghese sempre in giacca e cravatta, definiva il suo modo di fare arte, dei veri e propriContinua a leggere “L’infinito di Lucio Fontana tra tagli e luce”