Storie d’estate nell’arte

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è foto-profilo.jpg

a cura di Rosa Araneo

visualizza la scheda redattrice

L’estate è quasi agli sgoccioli, ma i suoi colori sono ancora ben vivi nelle nostre menti ed è stupendo notare come l’atmosfera di questa stagione sia stata catturata da diversi artisti nel corso nel XIX secolo. 

Subito mi viene in mente Scena d’estate di Bazille dove il sole sembra inondare di luce il dipinto,  in cui vediamo un gruppo di ragazzi che si gode una giornata d’estate in riva al fiume Lez.

Scena d’estate (1869), di jean-Frédéric Bazille. Fogg Art Museum dell’università di Harvard

Se ci riferiamo all’estate, non possiamo però non pensare al giallo splendente dei campi di grano, come quelli ritratti da Van Gogh nella campagna provenzale.

Che dire invece di Alphonse Mucha, esponente dell’Art Nouveau, che ci ha deliziato con una serie di quattro opere ispirate alle quattro stagioni, in cui emerge l’eleganza della decorazione e la sensibilità nel ritrarre donne di una bellezza eterea, ma al contempo dotate di sensualità. Indolente, rilassata e provocante è l’estate per Mucha. 

Estare (1896), di Alfons Mucha. Collezione privata.

Cosa c’è di più estivo di un tuffo in piscina? A bigger splash di Hockney ricrea proprio questa atmosfera in una probabile villetta californiana circondata da palme, e poi questo tuffo in piscina con gli schizzi d’acqua che salgono verso il cielo.

Non posso non citare Hopper, i cui dipinti sembrano sempre fotogrammi di un film. Una sola scena che ci fa pensare a un’intera storia che non viene mostrata ma che sappiamo che c’è. Così anche Second story sunlight, con due donne di età diverse, una intenta a leggere, l’altra seduta sulla ringhiera che sembra guardare verso di noi, come se ci avesse scoperti a spiarle. 

Infine, la spensieratezza dell’estate emerge con energia in Due donne che corrono di Picasso, con le protagoniste che sembrano danzare sulla riva della spiaggia, con le tuniche che si muovono al vento e sembrano ricondurci a un universo mitologico. 

Pubblicato da Cosimo Guarini

Sono laureato in Beni culturali e mi occupo della realizzazione di contenuti per il web. Gestisco la pagina Facebook L'isola di Omero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: